Come ho insegnato al mio draghetto a dire: scusa